Inizio Forum
 Umanità
 Sessualità
 I gay.
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 4

Hamlet183
Attivo partecipante

fabio



45 Messaggi

Inserito il - 16/01/2005 : 11:49:38  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Bella risposta! è una cosa abbominevole
Torna all'inizio della Pagina

Ambros
Virtuoso partecipante

I want to believe....



338 Messaggi

Inserito il - 30/01/2005 : 02:59:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Premetto che non posto per mettermi in pace con la coscienza sull'argomento gay perchè non ne ho bisogno ma devo chiarire..
Ciao Hamlet,hai ragione....ho toppato...in questo senso...
Credo che paragonare i gay di adesso (peraltro persone nella maggior parte dei casi molto sensibili ed educate)agli uomini bruti di più di 2000 anni fà sia cosa abominevole!!

Ciao....
Spero che tu abbia inteso il senso...

Angelo di Dio che sei il mio custode, illumina,costudisci, reggi governa me, che ti fui affidato dalla pietà celeste amen
Torna all'inizio della Pagina

Hamlet183
Attivo partecipante

fabio



45 Messaggi

Inserito il - 01/02/2005 : 19:59:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ciao ambros, grazie accetto le scuse
dopotutto ti sembro una persona abbominevole?
Torna all'inizio della Pagina

Ambros
Virtuoso partecipante

I want to believe....



338 Messaggi

Inserito il - 01/02/2005 : 23:26:00  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
No!

Angelo di Dio che sei il mio custode, illumina,costudisci, reggi governa me, che ti fui affidato dalla pietà celeste amen
Torna all'inizio della Pagina

Tenshi
Attivo partecipante


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Galatina


34 Messaggi

Inserito il - 07/03/2005 : 22:26:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Tenshi  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Kimerah


Cosa farei se avessi un/a figlio/a GAY?
lo amerei per quello che è: una creatura meravigliosa.

Gay, bisex,trans, ecc. non è una "malattia infettiva" ,
ne una punizione divina. Ognuno è come è.
Nessuno è meglio o peggio.
Siamo tutti parte dell' amorevole manifestazione di Dio.

Ho avuto molti amici gay.
In realtà, ho avuto (e ho) solo molti amici.

Dà nell'occhio sopratutto la loro esteriorità "colorita" e spesso bizzarra; troppo spesso mal giudicata seppure conosciuta quasi sempre solo " da lontano".

Se si ha la capacità di guardare oltre, si capisce la loro notevole sensibilità e una capacità di amare immensa.

Non esistono Gay, Etero, ecc.
Esistono solo ESSERI UMANI , figli tutti dello stesso Padre.

Fortunatamente sono in molti a pensarla più o meno come me.



quello che hai detto e' cosi' giusto che non ho da aggiungere altro!

La sessualita' e' la fusione di due anime che respirano allo stesso modo, che diventano un solo spirito. Le anime non hanno sesso. E' liberta' di andare oltre, di andare fuori gli schemi e di essere pazzi per un po' di tempo
in un mondo dove se sei pazzo, o negativo o positivo che sia, ti rinchiudono in manicomio. Dove devi pensare come tutti gli altri e dove gli Indaco
risultano affetti da DDAI.


When your loves not there and I get sick of crying, God I can't not take it, when your loves not there and I get sick of crying...
[The Calling]
Torna all'inizio della Pagina

CredoInTe
Neutrino del DNA cosmico

CredoInTe


Regione: Lombardia
Città: Heaven


63 Messaggi

Inserito il - 08/06/2006 : 15:01:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di CredoInTe  Rispondi Quotando
L'unica cosa che trovo "abominevole" è il giudizio gratuito.. Che tristezza..
Torna all'inizio della Pagina

davidelisa
Appassionato partecipante

TOM


Regione: Lombardia
Prov.: Varese
Città: varese


85 Messaggi

Inserito il - 08/06/2006 : 17:31:32  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di davidelisa  Rispondi Quotando
Direi che concordo con il fatto che alcune tendenze omosessuali sono da collegare al desiderio di essere semplicemente controcorrente, diversi e provocatori, dunque c'è di che riflettere...
Noi cerchiamo di educare i nostri figli con il massimo dell'equilibrio ma anche del libero arbitrio. La prima cosa che mi è venuta in mente a pensare che uno dei miei due bimbi arrivasse a confidarmi questa cosa è :
o mamma non potrà avere figli e una famiglia "normale".
Subito dopo è seguita una riflessione: allora il mio è un giudizio basato sul mio egoismo..di poter avere dei nipotini...
riflessione numero 2. : ciò che ho pensato è riflesso della mia puaura di come gli altri giudicheranno mio figlio/a e l'educazione che gli ho dato!
Ma: sarei contenta che si confidasse con me lo reputerei una prova di grande fiducia e un successo del mio rapporto con lui. Aprirsi con me può esser un primo passo per essere felice con se stesso e chi lo circonda.

manu
sangue ed acqua che scaturisti dal cuore di Gesù come fonte di misericordia per noi, confido in te.
Torna all'inizio della Pagina

WildThing
Appassionato partecipante

Città: Cremona


70 Messaggi

Inserito il - 30/06/2006 : 10:26:57  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ho letto il messaggio di Genesio e ci ho trovato un immenso equilibrio.
Vorrei poter dire con serenità il mio punto di vista in proposito, mi rendo conto di star "camminando sulle spine" perchè alcuni sono molto suscettibili quando si tocca questo tema, spero quindi che le mie parole non arrivino ad urtare qualcuno.
Sinceramente NON credo affatto che omosessualità sia normalità.
So di star utlizzando un termine alquanto improprio, mi si potrebbe domandare "cosa è la normalità" e si potrebbe rimanere impantanati in questa dissertazione per secoli, metto in campo questo termine alquanto generico solo per far riferimento alla sua portata di significato colloquiale.
Credo che la questione sia da vedersi molto semplicemente, senza voler a tutti costi vestire i panni del progressista o di quello che comunque vuol amare tutti e capire tutti, o di quello che non giudica nessuno. Questi atteggiamenti sono spesso solo "maschere".
Il Signore ha creato l'uomo e la donna. Il fatto è questo. Li ha creati e ha detto loro di unirsi, di amarsi e di far si che dal loro amore nascessero altre creature. Questo è buono e santo. Questo è "normale". Di "terzi sessi" non ce ne sono proprio.
D'altro canto si ricordi come nel contesto biblico "l'ira" di Dio investì Sodoma....evidentemente l'attività omofila non dev'essere poi così gradita all'Altissimo.
Quando sento parlare di "famiglia gay" mi cadono le braccia....ma quale "famiglia gay"? Ma cosa sono queste invenzioni? La FAMIGLIA è quell'elemento sociale dato dall'unione di un uomo e di una donna, unione dalla quale generalmente nascono figli. Punto. Non c'è altro da aggiungere, l'unione costituita da due uomini o due donne NON è famiglia, chiamare "famiglia" questa uinione significa SNATURARE il senso profondo del significato di questo termine.
Certo, oggi si tende a voler far passare il giusto per sbagliato e si fa uso ed abuso della dialettica per riuscire a far passare qualsiasi concetto come se fosse ragionevole, ma credo occorra chiamare "bianco il bianco" e "nero il nero".
Qualche amico nei messaggi precedenti citava i "trans", non ricordo chi fosse, ad ogni modo leggevo che secondo lui essere transessuale è qualcosa di perfettamente iscrivibile entro un discorso di normalità. Ma stiamo scherzando o cosa?
Ma ti è mai capitato di vedere un transessuale?
Dovesse capitarti osservalo poi dimmi cosa puoi scorgere di "normale" entro un essere del genere che manco addirittura si può più stabilire di che sesso sia, dato che ha scelto (di certo NON sotto la spinta di una condizione psicologica NORMALE!!!!! )di alterare le sue carni tanto da assemblare entro il proprio organismo entrambi i sessi.
Questo significa che secondo me i gay vadano isolati o messi in disparte oppure derisi o scherniti?
ASSOLUTAMENTE NO!
Il gay è prima di essere gay è PERSONA, quindi a lui si deve tutto il rispetto che essere umano possa meritare, tutta la comprensione, tutto l'amore di questo mondo.
Proprio qua vicino a casa mia abitano due gay che vivono assieme, sono due persone straordinarie, gentili, affabili, colte, precise nel lavoro....ci sono uscito a cena spesso e ne ho un'altissima opinione; da qua però a sentenziare che il loro orientamento sessuale sia parificabile a quello etero, direi che ci corre il mare.
Lo sviluppo regolare della persona prevede che questa cresca e sviluppi attrazione per l'altro sesso. Se una persona cresce sviluppando attrazione per il suo stesso sesso, significa che qualche componente è intervenuta a deviare quello che altrimenti sarebbe stata una normale maturazione.

Modificato da - WildThing in data 30/06/2006 10:29:22
Torna all'inizio della Pagina

Kimerah
Virtuoso partecipante

PEGASO

Città: prov. Milano


245 Messaggi

Inserito il - 30/06/2006 : 11:22:12  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Wildthing,
probabilmente ero io che citavo i “trans” insieme ad “altri”..
ma non intendevo dire proprio quello che poi tu mi hai "imputato". .
Sono perfettamente d’accordo con molte delle cose che dici, soprattutto la parte finale :).
Nel miei precedenti e vecchi post, mi limitavo a dire che: riassumendo, che qualunque veste esteriore porti un essere umano
(“…non esistono Gay, Etero, ecc. Esistono solo ESSERI UMANI , figli tutti dello stesso Padre…”) dovrebbe essere amato e guardato con gli occhi con cui ci guarda il Padre, (nonostante le nostre discutibilissime scelte di vita). Certo che ho visto i transessuali. Credo che dietro l’apparenza trasgressiva, ci siano semplicemente degli esseri umani, con le proprie forze e le proprie debolezze.
Anzi aggiungo che molte di queste persone hanno molto sofferto per mancanza di affetto, di comprensione, di accettazione, di amore.
Non è mascherarsi da donna o da uomo il problema. Quanti tra noi si mascherano in ciò che non sono? (E non sto parlando esteticamente) :)
Il problema è accettare che ci siano persone diverse da te, da me, da noi. Ciò non significa che sia lecito comportarsi in modo immorale e tanto meno in modo crudele.
Facciamo ciò che possiamo per vivere in pace, in armonia, in fratellanza. Ma non ergiamoci a giudici, ognuno risponderà di persona a “Chi di dovere” delle proprie azioni e intenzioni.
(Che senso ha non mangiare carne e poi “mettere al rogo le streghe”?)

Torna all'inizio della Pagina

WildThing
Appassionato partecipante

Città: Cremona


70 Messaggi

Inserito il - 30/06/2006 : 11:52:07  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ma è normalissimo, naturale, è giusto accettare la diversità e rispettarla, era quello difatti che intendevo dire anch'io e che riassumo qua di seguito:
accetto pienamente l'OMOSESSUALE (la PERSONA che vive questa condizione)e la rispetto al 100%, gradendola anche dentro la mia cerchia di amici, e dandole tutte le possibilità che può ottenere chiunque, NON accetto invece il discorso di chi dice che l'omosessualità sia una condizione sessuale normale.
Ecco, questo è il mio discorso, poi convengo con te.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 4  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fratellanza Bianca Universale © Angelinet.com 2015 Torna all'inizio della Pagina
Powered By: Angelinet 2005 (Snitz Forum)